Home » Macchinari » Intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale è un killer del lavoro o un’opportunità? Attualmente si stanno verificando importanti cambiamenti sul mercato del lavoro italiano. Termini come digitalizzazione, Industria 4.0 o persino intelligenza artificiale spesso rappresentano opportunità, ma creano anche paura in molte persone per il loro lavoro. In effetti, i robot e l’intelligenza artificiale sono spesso indicati come killer del lavoro, ma non deve essere necessariamente vero. Il cambiamento tecnologico di oggi porta con sé alcuni rischi, ma offre anche opportunità. La maggior parte delle persone teme il futuro perché non lo conosce e perché associa le innovazioni tecnologiche a pericoli piuttosto che a nuove possibilità o opportunità. È quindi molto importante rispondere ad alcune domande fondamentali, non ultimo per togliere l’incertezza e la paura della nuova tecnologia.

Nuove conoscenze e qualifiche per garantire posti di lavoro

Più moderne diventano le tecniche legate all’intelligenza artificiale, maggiore è l’istruzione richiesta ai dipendenti. Stare fermi significa tornare indietro, soprattutto quando si tratta di moderne tecnologie informatiche o di intelligenza artificiale. Non dovrebbe esserci una corsa tra uomo e macchina, piuttosto oggi è una questione di competizione tra tecnologia e sistema educativo. Questo essenzialmente decide se e quando le persone sono in grado di affrontare l’intelligenza artificiale in modo tale da offrire un’opportunità.

Ripensare è necessario

I moderni sistemi che funzionano sulla base dell’intelligenza artificiale sono in realtà in procinto di sostituire gli esseri umani in molte aree. Un buon esempio di ciò sono i cosiddetti chat bot, che sono già disponibili su molti siti Web per rispondere alle domande degli utenti. Al momento è ancora il caso che un dipendente debba essere contattato per richieste più complicate. Tuttavia, questo semplice esempio rende chiaro che è in atto un cambiamento nel mercato del lavoro. Ma le persone avranno ancora i loro compiti, solo questi si troveranno in altre aree. Ecco alcuni esempi:

  • Attività amministrative
  • Installazione, manutenzione e riparazione di macchine e robot
  • Aree di assistenza domiciliare e ospedaliera
  • Professioni nell’assistenza all’infanzia o nell’educazione
  • Chi si occupa di salute e assistenza infermieristica

Più alta è la qualifica…

Anche l’intelligenza artificiale moderna ha i suoi limiti. Ciò diventa chiaro nelle aree in cui le persone sono ancora chiaramente al di sopra delle macchine, come insegnanti, infermieri, inservienti, medici o persino guide di viaggio. In altri settori ci sarà un’ulteriore riduzione dei posti di lavoro, ad esempio nei posti di lavoro nel settore manifatturiero, poiché i robot in combinazione con l’intelligenza artificiale possono svolgere sempre più fasi di produzione in modo indipendente e senza umani. I processi stanno diventando sempre più complicati, ma ora i robot possono svolgere sempre più compiti. Hanno anche il vantaggio di poter essere utilizzati senza problemi anche per compiti monotoni, dove le persone si stancano nel tempo. Al giorno d’oggi, i robot possono anche essere adattati molto rapidamente ai cambiamenti nei requisiti dei processi di produzione, di solito anche più velocemente di quanto gli umani siano in grado di fare. Una parola chiave importante è la qualificazione dei dipendenti. Più è alto, più sono solitamente insostituibili per un’azienda. La formazione continua e l’apprendimento permanente sono quindi prerequisiti molto importanti (ma anche opportunità) per l’occupazione a tempo indeterminato.

Che ruolo giocano termini come i big data?

Molti dati vengono generati dove si svolgono processi di lavoro complessi. Questi devono essere elaborati e analizzati il ​​più rapidamente possibile. L’intelligenza artificiale aiuta anche qui. Tuttavia, non è possibile elaborare le enormi quantità di dati odierni solo con esso. Le persone sono ancora indispensabili per questo, soprattutto quando si tratta di acquisire conoscenza dalle enormi quantità di dati, ad esempio per l’utilizzo delle informazioni aziendali per migliorare l’integrazione dei dati o per lo sviluppo di una strategia aziendale. Oggi i Big Data hanno raggiunto un livello di importanza senza precedenti, non da ultimo a causa delle numerose fonti di dati in rete e del conseguente enorme aumento della quantità di dati. I big data promettono molta conoscenza per le aziende di ogni settore o dimensione, ma solo con dipendenti adeguatamente qualificati, poiché l’intelligenza artificiale raggiunge i suoi limiti qui.

Conclusione

Le moderne tecnologie e l’intelligenza artificiale sono spesso viste come pericoli. In realtà possono esserlo, ma solo se le persone non si vedono in grado di continuare la propria formazione, acquisire nuove qualifiche e adattarsi al mondo del lavoro odierno.

Lascia un commento